Tirocinio per il corso di laurea in Medicina Veterinaria (PPT ed EPT)

Che cos’è il Tirocinio?

Il Tirocinio, definito anche è un periodo di 6 mesi di attività formativa (30 CFU) necessario ad affinare le conoscenze dello studente negli ambiti clinico, zootecnico ed ispettivo. L’attività formativa è di tipo prevalentemente pratico che ha come obiettivo quello di  integrare ed a perfezionare le Day One Competences (D1C) già acquisite durante il corso degli studi. Il tirocinio si suddivide in due grosse aree che vengono definite dall’EAEVE: il Professional Practical Training (PPT), ovvero il tirocinio vero e proprio che può essere svolto in Dipartimento o in strutture convenzionate con una supervisione accademica (strutturata o anche di un docente a contratto) e l’External Practical Training (EPT) che invece viene svolto sempre fuori le mura del Dipartimento e ha una supervisione da parte di un referente esterno, non accademico.

Il tirocinio viene svolto nel secondo semestre del quinto anno: dei 6 mesi di attività formativa, 3 mesi sono dedicati all’ambito clinico, un mese e mezzo all’ambito zootecnico ed un mese e mezzo all’ambito ispettivo.

A seconda dell’ambito considerato e previa programmazione con i relativi docenti, il tirocinio si svolge presso differenti strutture pubbliche e private, che lo studente sceglie insieme al docente di riferimento all’interno di una lista predisposta di convenzioni stipulate dal Dipartimento, che è in continuo aggiornamento ed ampliamento.

 

Per quanto riguarda l’ambito clinico, si può scegliere di frequentare una o più delle seguenti strutture:

- Ospedale Didattico Veterinario all’interno del dipartimento.

- Cliniche veterinarie di altre università nazionali o estere.

- Altre strutture di tipo pubblico in cui si svolga attività clinica.

- Cliniche o ambulatori o veterinari itineranti di tipo privato libero professionale.

Nello stesso ambito clinico, secondo indicazioni della EAEVE, è necessario che almeno 2 settimane corrispondenti a 10 giornate lavorative vengano svolte al di fuori della supervisione accademica del nostro dipartimento (EPT) in una qualsiasi delle strutture sopra menzionate, ad esclusione dell’ODV.

Per quanto riguarda l’ambito zootecnico, nel mese e mezzo ad essa dedicato lo studente potrà scegliere di frequentare una o più delle seguenti strutture:

- Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Sardegna.

- Aziende del settore agro-alimentare.

 

Per quanto riguarda l’ambito ispettivo, nel mese e mezzo ad essa dedicato lo studente potrà scegliere di frequentare una o più delle seguenti strutture:

- Servizio Veterinario delle ASL (Area B e Area C).

- Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Sardegna.

- Aziende del settore agro-alimentare.

 

Le attività degli ambiti zootecnico ed ispettivo vengono completamente svolte sotto supervisione non accademica e sono tutte attività in EPT.

 

Una descrizione dettagliata delle condizioni e delle formalità che devono essere rispettate è presente in un regolamento appositamente predisposto ed in continuo aggiornamento (link). Qui di seguito ne viene riportata una sintesi.

Per iniziare lo svolgimento del tirocinio lo studente, iscritto al quinto anno, può presentare in qualsiasi momento dell’anno la domanda presso il manager didattico del dipartimento. Prima di poter iniziare le attività, deve però aver superato alcuni esami propedeutici che sono esplicitati nello stesso regolamento (link).

Lo studente è libero di programmare la successione dei 3 ambiti secondo le sue esigenze, fatta salva la disponibilità di accoglimento da parte delle strutture ospitanti e l’accordo con i docenti di riferimento, i quali ultimi sono sempre disponibili a dare qualsiasi informazione sul tirocinio. Particolare disponibilità la offrono il coordinatore prof. Careddu (3293808647 gcareddu@uniss.it) ed il manager didattico dott.ssa Fadda (079229402 rfadda@uniss.it). L’intero tirocinio deve essere svolto nell’arco temporale di 365 giorni pena il suo annullamento.

Nel caso la sede scelta dallo studente non fosse fra quelle già convenzionate col dipartimento, è disponibile un apposito format che consente di stipularla in modo molto rapido e semplice (link  link).

La convalida delle attività svolte viene fatta dai relativi docenti di riferimento. Si ottiene alla fine del tirocinio, a seguito della presentazione di un libretto-diario dove lo studente annota l’argomento trattato in ciascuna giornata, corredata da una sintetica relazione personale su ciascuno degli stessi argomenti trattati. Per le attività svolte al di fuori del dipartimento, il libretto-diario dovrà essere preventivamente firmato dal tutor della struttura ospitante e per l’EPT compilando l’apposito form per l’EPT. È inoltre necessaria, sia da parte dello studente che da parte del tutor, la compilazione del format per valutazioni reciproche sulle attività svolte (link link).

L’intero iter burocratico sarà completato solo quando anche l’ultima delle attività verrà esaminata e convalidata da parte del suo docente di riferimento. Nella programmazione globale è quindi opportuno venga riservato un periodo di tempo di almeno 2 settimane tra la fine delle attività e la data della sessione di laurea ritenuta utile.

Documentazione tirocinio